martedì 21 marzo 2017

21 MARZO: GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA

L'arrivo della Primavera, da sempre, porta con sé la voglia di condividere con la natura il senso di rinascita, di bellezza e di vita, gioiosa e feconda.
Con i bimbi, mi sembra il periodo più indicato per lasciare spazio alle risonanze interiori, alle immagini leggiadre, all'aspirazione all'infinito, che abita ciascuno.

Quest'anno ho scelto un albo illustrato che, da tempo, mi ispirava in tal senso, ma che non avevo mai avuto modo di apprezzare in tutto il suo profondo e delicato incanto. 
E così i piccoli hanno assaporato il nuovo genere letterario, e il suo linguaggio, attraverso l'ascolto della suggestiva storia e l'ammirazione delle coloratissime immagini dell'albo: Questa è la poesia che guarisce i pesci, scritto da Jean Pierre Siméon e illustrato da Oliver Tallec, per Lapis edizioni.

Entrare in questa storia è stato come accompagnare Arturo, il suo giovane protagonista, "a caccia" di un antidoto speciale in grado di guarire dalla noia il suo piccolo amico Leòn, un pesciolino rosso, chiuso in una boccia di vetro. La mamma gli suggerisce di trovare, per l'animaletto, una poesia e, a questo invito, segue la sua ricerca dappertutto e da tutti, pur di carpirne il significato segreto.
Ogni riposta che trova è un pezzetto di puzzle, che solo alla fine riuscirà a ricomporre in una splendida e nuova poesia che racconta la poesia, attraverso paragoni, metafore e personificazioni.
Un libro, quindi, che sostituisce mille spiegazioni didattiche, perché co-costruisce, in modo corale, il significato e il senso della poesia attraverso una storia che si imprime nel cuore dei bimbi, per la sua raffinata intensità e per il connubio, perfetto, tra immagini date dalle parole e immagini rese dalle illustrazioni.

Dopo la rilettura, doppia, ne è seguito un laboratorio poetico, per poeti... ormai "in fiore", vista la stagione!
E proprio in tema con il "puzzle" di risposte ricomposte da Arturo, nella storia, anche la classe è divenuta un puzzle. La tecnica utilizzata è stata, appunto, quella della jigsaw classroom
In un primo momento i bambini sono stati divisi in tre gruppi, cosiddetti esperti; ad ognuno è stato assegnato un numero (1, 2 o 3). In base al numero, ogni gruppo ha lavorato rispettivamente su:
1. paragoni
2. metafore
3. personificazioni
legate ai temi, primaverili, assegnati: 
LA RUGIADA
LA NEBBIA
LA PIOGGIA
LA PRIMULA
LA FARFALLA
Ne era stato selezionato anche un sesto: LA RONDINE, ma per mancanza di alcuni bambini, è stato eliminato.


Al termine della prima fase, tutti sono stati rimescolati e sono stati formati cinque nuovi gruppi, uno per tema, con la presenza di un rappresentante per ciascun componente (1, 2 e 3) della prima fase. In tal modo, ogni gruppo, unendo paragoni, metafore e personificazioni ha prodotto una poesia, proprio come era successo ad Arturo, nell'albo letto.


Il risultato è stato quello di produrre almeno cinque poesie primaverili, da condividere con gli altri e da trascrivere su biglietti decorati, con nastri e fiori, da regalare il 21 Marzo, a chi si desidera.

LA RUGIADA
È come biglia trasparente,
è una lacrima sull’erba:
rotola sui prati.
LA NEBBIA
È come un lenzuolo bianco.
È una muraglia che copre l’universo.
Avvolge, con un mantello, il mondo.
LA PIOGGIA
È come rugiada fresca,
è un tamburello che batte un ritmo
e annaffia i fiori.
LA PRIMULA
È come un arcobaleno di petali,
è una farfalla profumata sull’erba:
colora i prati di primavera.

LA FARFALLA
È come un fiore che volteggia nel cielo,
è una foglia colorata che vola sul prato;
danza di margherita in margherita.

Ecco i messaggi fioriti e primaverili...


facili e veloci da preparare:

- si tagliano dei cartoncini colorati (formato A4) a metà , si arrotolano e si fermano con due punti metallici;

- si decorano con dei nastri, a piacere (io ho usato della rafia di colore naturale);

- si incollano dei petali di stoffa (o di carta) di vari colori e si incolla (con la colla a caldo) un fiorellino sopra;

- all'interno si infila, arrotolata, la poesia scelta e...

il messaggio è pronto!


Altri spunti per un laboratorio poetico, legati ad altri albi per l'infanzia, si possono trovare ai seguenti post:

- UN MAGGIO POETICO
- GIOCHI DI MOVIMENTI: L'ALFABETO DEI SENTIMENTI di J. Carioli e S. M.L. Possentini

Età di lettura consigliata: dagli 8 anni in su

Nessun commento:

Posta un commento